IL PUNTO Amandola, la polemica social e il confronto che (forse) non c’è

3

di Andrea Braconi

Che la comunicazione sia alla base di qualsiasi campagna elettorale è oramai un fatto acclarato. Che, tra tensioni tra le varie fazioni in gioco, possa però sfuggire di mano è altrettanto tangibile. Nelle ultime ore Amandola, dove il 26 maggio si sceglierà la nuova amministrazione comunale, è diventata, per dirla in termini anglofoni, una sorta di case history.

Succede che a fine aprile, cioè a liste ufficialmente presentate, la nostra redazione contatta i due candidati sindaco per organizzare un confronto pubblico su presente e futuro della città (dal post sisma al nuovo ospedale, dalle prospettive turistiche ai servizi per la comunità). Se da un lato il sindaco uscente Adolfo Marinangeli, a capo della lista Amandola 4.0, dà subito la disponibilità, il suo competitor Adriano Mecozzi, dopo un consulto con i propri candidati consiglieri, preferisce legittimamente declinare l’invito “privilegiando altri percorsi”. Per noi “la partita” terminerebbe qui (pur avendo anche messo sul tavolo l’opzione di un confronto a Radio Fermo Uno), se non fosse che nel frattempo anche un’emittente televisiva ed un’associazione di categoria tentano di organizzare un’iniziativa simile. E sembrerebbe che anche a loro sia arrivato il “no grazie” di Mecozzi. Questo fino al pomeriggio di ieri, quando Marinangeli in diretta Facebook coglie la palla al balzo e decide di rendere noti i fatti, rimarcando come “il candidato sindaco dell’altra lista ha rifiutato un confronto democratico”. “La mia disponibilità l’ho data già il 30 aprile” precisa il sindaco uscente, leggendo le conversazioni intercorse con la nostra redazione.

Ma poche ore dopo arriva la marcia indietro di Mecozzi, che in un video pubblicato sempre su Facebook chiede allo stesso Marinangeli un confronto pubblico (cioè quanto proposto da ben tre soggetti diversi nelle scorse settimane). Dallo stesso Mecozzi, sebbene, come citato nel video pubblicato sulla pagina Facebook della sua lista, parli di  “strumento di comunicazione alquanto sterile” e considerato come sia “più propenso al contatto diretto con il pubblico”, arriva la proposta di “un confronto davanti ai cittadini alla presenza di alcuni componenti della lista con un relatore/moderatore”. “Visti gli impegni reciproci – aggiunge nel suo video – direi di fissare quanto prima questo incontro, domenica al mattino o al pomeriggio”. Una decisione che Mecozzi ci ha confermato questa mattina in occasione di una telefonata chiarificatrice, nella quale ha ribadito l’intenzione di organizzare questa iniziativa, cercando anche un nostro coinvolgimento.

Per quanto ci riguarda, di occasione persa avevamo scritto e di occasione persa continuiamo a scrivere. Perché in questa confusione dove la razionalità va a farsi benedire, abbiamo preferito farci da parte e rifiutare – questa volta noi – la proposta dello stesso Mecozzi di organizzare un confronto pubblico in tempi ristretti e con modalità a dir poco confuse: mai, infatti, almeno in Comuni di questo territorio, si sono visti confronti tra i candidati sindaco con al fianco non tutta la lista ma giusto qualche candidato consigliere “esperto” su una materia piuttosto che su un’altra, come invece preteso dal candidato sindaco della lista Amandola è dei Cittadini.

Proprio perché consapevoli di come, in un’epoca segnata da confronti sempre più virtuali, sia necessario ascoltare e conoscere dal vivo chi si propone per governare il bene pubblico, ci siamo messi a disposizione del territorio con personale e mezzi. Tutto questo non lo faremo ad Amandola (al contrario di Monte Urano, dove i tre candidati non hanno esitato un solo istante, sia a venire in radio sia a misurarsi pubblicamente domani sera davanti ad una folta platea). Siamo dispiaciuti, più come cittadini del Fermano che come giornalisti. Ma siamo certi che questo vuoto servirà a capire che, nella politica come in tutti i settori che caratterizzano la nostra società, il confronto, quello vero, è e resta un elemento fondante di quella tanta declamata democrazia.

PS: Se, come sembra, questo confronto last minute dovrebbe avere luogo (Marinangeli, da par suo, ha confermato la propria disponibilità ma senza la presenza sul palco di candidati consiglieri), saremo tra il pubblico ad ascoltare, con i nostri grandi dubbi e con le piccole certezze conquistate lavorando nel e per il territorio.

FONTE: Cronache Fermane

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

Privacy & Cookies Policy