Notre Dame, record di donazioni: già raccolti 600 milioni

4
"Ricostruiremo Notre Dame tutti insieme, è quello che i francesi aspettano e meritano". È quanto ha affermato ieri sera il presidente francese Emmanuel Macron davanti al luogo sacro divorato dalle fiamme.Il numero uno dell'Eliseo ha, inoltre, annunciato l"avvio di una colletta per raccogliere i fondi volti alla ricostruzione della Cattedrale. L"iniziativa, che partirà oggi, è stata lanciata dalla Fondation du patrimoine francese sul sito www.fondation-patrimoine.org.La famiglia Pinault, alla guida del colosso del lusso Kering, ha annunciato l"immediata donazione di 100 milioni di euro per il restauro di Notre Dame.Poche ore dopo, l'altro big del lusso, Lvmh , a capo di marchi del calibro di Fendi, Bulgari, Christian Dior, Bulgari, DKNY, Cèline, Guerlain, Givenchy, Kenzo, Loro Piana e Louis Vuitton, ha risposto offrendo ben 200 milioni di euro. "La famiglia Arnault (proprietaria del gruppo che controlla tra gli altri Fendi e Bulgari, ndr) e il gruppo Lvmh, in solidarietà con questa tragedia nazionale, si uniscono alla ricostruzione di questa straordinaria cattedrale, simbolo della Francia, del suo patrimonio e della sua unità" scrivono in una dichiarazione inviata al Afp.Il sindaco di Parigi, Anne Hidalgo, ha proposto "una conferenza internazionale di donatori": un'occasione di confronto tra esperti e finanziatori.L'Ile de France, la regione di Parigi, ha invece stanziato 10 milioni di euro. Iniziative anche dall"estero. Negli Usa, infatti, si è già attivata la French Heritage Society, un'organizzazione con sede a New York dedita proprio alla conservazione dei tesori architettonici e culturali francesi, che ha lanciato una pagina web di raccolta fondi.I danni riportati dalla Cattedrale sono ingenti. Le opere d"arte e le reliquie custodite all"interno sono state salvate e portate all"Hotel de Ville, la sede del comune. A preoccupare ora è la stessa stabilità della struttura."L'incendio è spento, ma la stabilità della cattedrale di Notre Dame e la profondità strutturale del danno sono ancora incerti" è quanto ha dichiarato il segretario di Stato francese all'Interno, Laurent Nunez, arrivato sul posto all'alba, citato da Le Figaro. Una riunione di esperti e architetti è stata convocata per questa mattina per fare che il punto della situazione.

FONTE: il Giornale

I commenti sono chiusi.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More

Privacy & Cookies Policy